Discover Trani

A partire dall’epoca sveva, nella quale Federico II fece di Trani il suo fortificato avamposto marittimo, fino al Quattrocento, secolo di assoluto splendore in cui Trani rappresentò il più importante centro marittimo e mercantile del basso Adriatico (città che si diede gli Statuti Marittimi, a lungo appoggiata dalla città di Venezia, cui fu data addirittura «in pegno» alla fine del secolo), Trani giocò un ruolo eminente nella scacchiera regionale dei poteri e dei privilegi.
Per poi diventare, alla fine del Cinquecento, sede della Regia Udienza, e da allora (e fino a oggi) «città forense» per eccellenza.
Questo è il mare dei monumenti, il mare dei poteri.
Ma oggi affacciarsi al porto di Trani percorrendolo con lo sguardo da sinistra a destra dà conto di due realtà meno monumentali, ma altrettanto importanti per definire il più complesso immaginario contemporaneo, quello che fa amare al turista (e all’abitante) questa città:

la sfilata di bellissimi pescherecci a sinistra, dai colori intensi e dai nomi evocativi, e la distesa di barche da diporto a destra, segnali questi di un mare «abitato», di un porto funzionante e attrezzato, di una città che ancora guarda al mare pur senza l’onere di una supremazia da affermare e da difendere.

Castello, Cattedrale, Tribunale, ma anche la novecentesca villa comunale, che riconduce invece ai caratteri civici e borghesi che costituiscono la radice culturale della città moderna, sono visibili dal mare ancor meglio che dalla terra, quasi fosse ancora dal mare che si attendono i visitatori, in arrivo su barche o navi (e spesso è così: molti turisti in yacht piccoli e grandi attraccano qui per rifornirsi di viveri o benzina, sulla rotta magari delle isole greche, e invece di un giorno si fermano due, tre, per poi magari decidere di affittare una casa sul porto…).

CATTEDRALE

Edificata in onore di San Nicola Pellegrino, la costruzione fu iniziata nel 1099, anno della canonizzazione del Santo, e venne portata a termine nel 1143 senza l’ardito campanile. Monumento messaggero di una cultura di pace.

CASTELLO SVEVO

All’interno fa bella mostra di sé un dipinto di chiara origine bizantina che raffigura la Madonna dei Martiri, protettrice dei marinai. La facciata principale che si apre su via Scolanova, è monocuspidata e impressiona per la severa semplicità della sua struttura.

MONASTERO

Il monastero di Santa Maria di Colonna è un monastero di Trani situato su una penisola detta di “Capo Colonna”. Al monastero è attigua una chiesa romanica, l’interno è suddiviso in navate e ospita un altare in oro zecchino.

Info e Ticket     T. + 39 345 1569823      E. segreteriainformativa@festivaldeltangotrani.it